Attualità

24 Aprile 2024

Ponti di primavera, in viaggio quasi 14 milioni di italiani

Giro d'affari da circa 6 miliardi, l'albergo resta l'alloggio preferito


Ponti di primavera, in viaggio quasi 14 milioni di italiani

Secondo un'indagine effettuata da Tecnè, saranno 13,9 milioni gli italiani a mettersi in viaggio tra il 25 aprile e il primo maggio. A fare la “lunga”, ovvero a utilizzare entrambe le festività, sono nello specifico 4,1 milioni di concittadini; 4,6 milioni coloro che partono solo per il 25 aprile e 5,2 milioni invece i viaggiatori in marcia per il primo maggio. Il calendario di quest’anno, che fa cadere di giovedì la Festa della Liberazione e di mercoledì la Festa dei Lavoratori, ha giocato un ruolo importante nella programmazione generale.

25 aprile
Il 90,2% degli intervistati resterà in Italia, mentre il 9,8% sceglierà una località estera. Le mete preferite per i viaggiatori che resteranno all’interno dei confini nazionali saranno il mare (39,7%), le località d’arte (25,6%) e la montagna (13,7%). Per coloro che invece si recheranno all’estero, vincono le grandi capitali europee (74,5%), seguite dal mare (17,1%).

L’alloggio preferito sarà l’albergo (39,9%); segue  la casa di parenti e amici con un 26,1%, le case di proprietà (18,9%) e i bed & breakfast (9,8%). La vacanza avrà una durata media di 4,3 giorni. La spesa media pro capite sostenuta per la vacanza (comprensiva di trasporto, alloggio, cibo e divertimenti), sarà pari a 439 euro. Chi resterà in Italia spenderà mediamente 422 euro, mentre la spesa aumenta per chi trascorrerà un periodo di vacanza oltre confine (588 euro).

Il turismo si conferma un driver eccezionale per l’economia del territorio creando un giro di affari di 2 miliardi di euro. La gran parte della spesa dei viaggiatori sarà destinata ai pasti  (28,4%). Il viaggio e l’alloggio assorbono il 23,9% e il 22,7% del budget, mentre allo shopping sarà destinato l’11,6% del budget.

La motivazione principale per la vacanza sarà il riposo e il relax (63,2%), seguito dal divertimento (30,0%). Il 21,4% degli italiani approfitterà di questa occasione per raggiungere la propria famiglia. Durante questi giorni, le attività principali consisteranno in passeggiate (75,0%), escursioni e gite (47,7%), partecipazione ad eventi enogastronomici (38,8%) e visita a musei o mostre (24,7%). Il 72,1% dei  vacanzieri utilizzerà la propria automobile per recarsi presso il luogo della vacanza. Il 21,8% viaggerà in aereo e il 3,9% in treno. La comodità ha prevalso nella scelta del mezzo (78,5%).

1 maggio
Anche per il primo maggio l’Italia sarà la meta preferita: resta nel Belpaese il 95,7% degli italiani, mentre il 4,3% opterà per l’estero. Coloro che resteranno in Italia si dirigeranno soprattutto verso il mare (42,0%), località d’arte (31,7%) e località di montagna (15,3%). Chi va all’estero si dirigerà soprattutto verso le grandi capitali europee (56,6%) e il mare (33,9%). L’alloggio preferito è l’albergo (per il 49,5% dei casi), seguito dalla casa di parenti/amici con il 22,7%. Si passeranno in media 3,1 giorni fuori casa.

La spesa media pro-capite
(comprensiva di trasporto, alloggio, cibo e divertimenti) sarà di 379 euro (367 per chi rimarrà in Italia e 544 per chi andrà all’estero), con un conseguente giro d’affari di circa 1,96 miliardi di euro. La spesa si orienterà soprattutto verso i pasti (26,5%), seguita dalle spese per il pernottamento (26,1%), per il viaggio (22,2%) e per lo shopping (10,6%). I principali motivi che portano gli italiani a far vacanza per la Festa del Lavoro sono la ricerca del relax (68,6%) e del divertimento (38,5%).

Le attività principali consisteranno in passeggiate (65,7%), escursioni e gite (39,9%), e la visita a musei o mostre (26,4%). L’81,5% dei  vacanzieri viaggerà con la propria automobile, il 10,9% in aereo e il 2,7% in treno. Anche in questo caso per spostarsi si guarda soprattutto alla comodità (74,6%).

Entrambi i ponti
4,1 milioni di italiani sfrutteranno entrambi i ponti primaverili con una spesa media pro-capite di 485 euro (431 per chi rimarrà in Italia e 891 per chi andrà all’estero), con un conseguente giro d’affari di circa 1,96 miliardi di euro. 

«Ancora una volta la maggior parte di coloro che hanno pianificato una vacanza, ha scelto di farlo restando in Italia. Solo una minima parte del campione analizzato ha deciso di recarsi in un Paese estero» commenta Bernabò Bocca, Presidente di Federalberghi, aggiungendo che l'orientamento generale di "rimanere nel proprio Paese" stia dando un forte impulso al comparto. «Mi sembra importante sottolineare l’affezione che gli italiani mostrano per le nostre strutture: per ciò che riguarda il soggiorno, l’albergo è in pole position per la maggioranza dei viaggiatori» conclude Bocca.

TAG: BERNABÒ BOCCA,RICERCHE,TURISMO

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

18/07/2024

Entrambe le referenze preservano il gusto genuino della birra ma senza ricorrere all'alcol

18/07/2024

L'operazione apre una nuova fase cruciale per l’azienda, impegnata a rafforzare la propria espansione globale



Quine srl
Direzione, amministrazione, redazione, pubblicità

Via Spadolini 7 - 20141 Milano
Tel. +39 02 864105 | Fax +39 02 72016740 | P.I.: 13002100157
Copyright 2024 - Tutti i diritti riservati - Responsabile della Protezione dei Dati: dpo@lswr.it

Top